Aggiornamento Orario Sante Messe e Atto di Affidamento alla Madonna di PortoSalvo

 
     
kikilo

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

loikju
   
 

GURDA

LE FOTO

TORNA HOME PAGE

casa

 

FR

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

ORGANO

MARIA SS. DI PORTO SALVO - PARGHELIA VV

16 Luglio 2017 - Santuario Maria SS.ma di Portosalvo in Parghelia (VV)

Arc. Don Giuseppe Florio.

Inaugurazione Organo. Pronestì con i Maestri: Carmelo Fede, Tromba Salvatore Pronestì, Organo, Ospite d'onore: Marco D'Avola, Orga

L'Organo ├ذ elettromeccanico, corpo d'organo in cantoria, consolle sul presbiterio lato dx, adatto all'accompagnamento liturgico, ha due tastiere da 58 note (C1 - a5), una pedaliera da 30 note (C1 - f3) e la seguente disposizione fonica: I Tastiera - Principale 8' - Ottava 4' - Decimaquinta 2' - Ripieno 2 file - Voce umana II Tastiera - Bordone 8' - Flauto 4' - Flauto in XII 2 2/3' - Ottavina 1' - Tremolo Pedale - Subbasso 16' - Bordone 8' - Basso 8'

L’opera, fortemente voluta dal parroco, Don Giuseppe Florio, ha visto impegnati tecnici ed esperti del settore che hanno realizzato un capolavoro di rara bellezza. Il maestro Salvatore Pronestì ha curato la parte tecnica del suono, sistemando accuratamente le canne nella giusta posizione al fine di dare un effetto sensazionale attraverso il cambio dei registri durante l’esecuzione dei brani.
Particolarmente interessante il lavoro del rinomato restauratore sorianese, Antonino Luciano, che con l’aggiunta di pezzi antichi, abbandonati in un angolo della chiesa a un triste destino, ha realizzato il mobile dell’organo su indicazione del Parroco.
Don Florio infatti ha consigliato a Luciano di utilizzare questi pezzi al fine di creare un’opera di rara bellezza che ben si sposa con lo stile architettonico della chiesa in questione. L’artista di Soriano Calabro ha così messo a frutto le sue qualità di esperto del legno, sistemando lesenature, cornici e modanature. Bellissima la decorazione realizzata da Antonino Luciano in finto marmo e colori pastello e tratti in foglia d’oro zecchino. Don Florio e tutti i fedeli parrocchiani hanno espresso parere favorevole rimanendo entusiasti per il modo in cui l’opera è stata realizzata e, soprattutto per il fatto che un’opera così imponente arricchisce ed esalta lo stile di una chiesa che da adesso in poi sarà meta di visitatori e di turisti che in estate affollano Parghelia e il suo comprensorio in cerca di relax e delle mille meraviglie che il territorio generosamente offre, tutte da scoprire.

15 luglio 2017
Sarà presentato al pubblico un manufatto artistico di vera bellezza ed efficacia, che avrà la funzione precipua di arricchire la Liturgia e di aiutare lo spirito ad elevarsi e a rendere grazie.
├ê il miglior modello di Organo liturgico, che comunque non disdegna l’uso concertistico, il  nuovo organo a canne installato nel Santuario di Maria SS. di Portosalvo in Parghelia, un organo a due tastiere, pedaliera e numerosi registri che danno fiato alle molteplici canne.
Costruito dalla Bottega organaria di Salvatore Pronestì di Sant’Onofrio, che dal 1993 opera ininterrottamente sul territorio nazionale per la Costruzione, il restauro e la manutenzione di Organi a Canne,  presenta una facciata in tre campate con piramide centrale e due torri laterali dalle splendide canne lucidate a specchio, in una cassa armonica di notevole rilevanza; due possenti mantici forniscono l’aria allo strumento; il tutto comandato da una consolle posta in presbiterio e collegata al corpo d’Organo tramite moderni sistemi di tecnologia digitale.
Alcune particolarità dei registri: il principale con il suo ripieno di intonazione tipicamente italiana, il flauto tappato ed il flauto dolce in 4, la caratteristica voce umana ed un possente Subbasso posto a fondamento di tutto l’edificio sonoro. Organo sicuramente degno di questo nome, come può esserlo soltanto l’Organo dotato di canne e non di altoparlanti, quelli dei surrogati elettronici che dietro un modico prezzo economico scimmiottano lo strumento reale.
Proprio in chiesa, dove tutto dovrebbe essere autentico, lo strumento a canne, anche piccolo, dovrebbe essere preferito ai falsi elettrofoni. Lo sa bene il Parroco don Giuseppe Florio, che ha voluto fortemente questo piccolo capolavoro presente nella sua Chiesa, affinchè accompagnasse e sostenesse i momenti più intensi di preghiera e di contemplazione. Accanto a lui don Giuseppe Vitaliano, suo coadiutore, e Pasquale Lorenzo, presenza musicale in Parghelia. Lo sa infine tutta la Comunità di questa splendida cittadina, che, fiduciosa e sensibile ai valori del bello e del sacro, ha collaborato fattivamente, nella misura e nelle forme possibili, alla realizzazione dell’Organo a canne.
Domenica 16 luglio, alle ore 21,00, sarà officiato il rito di benedizione ampliato nella sua cerimonialità dallo stesso Parroco, don Florio e, a seguire, ci sarà il Concerto di inaugurazione, con il M.o Salvatore Pronestì all’Organo e il M.o Carmelo Fede alla tromba. Ospite d’onore della serata il Maestro Marco D’Avola dal Festival Internazionale d’Organo Città di Ragusa.

N. B. Seconda domenica di agosto 2019 - si celebrerà il Centenario dall’Incoronazione di Maria Santissima di Portosalvo. Riportiamo di seguito uno scritto, sintesi di uno studio condotto dal prof. Luciano Meligrana, che spiega l’origine del culto e la concessione della festa da parte della Sacra Romana Congregazione dei Riti: il culto della Madonna di Portosalvo è connesso, come suggerisce lo stesso titolo, con la tradizione marinara degli abitanti di Parghelia, che affidavano alla protezione della Vergine la propria sicurezza sui mari, come si legge in molti documenti di archivio e come ancora oggi testimoniano i numerosi ex voto che si possono ammirare nella sacrestia della Chiesa.
Al mare ci riporta anche la leggenda relativa all’arrivo dell’Immagine a Parghelia: la stessa nave che, giunta di fronte a Tropea, “trattenuta da una forza invisibile”, non potè proseguire il suo viaggio, se non dopo aver consegnato alla città il quadro della Madonna di Romania, si fermò nuovamente “in modo misterioso, dopo pochi minuti, davanti a Parghelia, presso uno scoglio che anche oggi è chiamato ‘lo scoglio della Madonna’. Lasciato il secondo quadro, quello della Madonna di Portosalvo, al lido di Parghelia, la nave proseguì il suo corso”.
Sempre il prof. Meligrana spiega: 'Il titolo di ‘Portosalvo’ risale, in Parghelia, almeno al 1585, anno in cui Sisto V concesse l’indulgenza plenaria in articulo mortis ai membri di una confraternita e ai comuni fedeli, che, in giorni particolari, a particolari condizioni e dopo aver compiuto opere di misericordia, di pietà e di carità avessero visitato la Chiesa della Beata Maria nel casale di Parghelia.
In seguito, tenuta presente questa antichità di culto, la Sacra Romana Congregazione dei Riti, con rescritto del 24 gennaio 1917, concesse che la festa in onore della Madonna di Portosalvo si celebrasse con rito doppio di prima classe e l’ottava comune il sabato precedente la seconda domenica di agosto.
Un decreto del Capitolo Vaticano del 10 agosto del 1919 incoronava poi di corona d’oro l’immagine di Maria Santissima di Portosalvo venerata in Parghelia.

FR  
   

 

Parrocchia di SantAndrea Apostolo 89861, Parghelia (VV). Tel. e fax (+39) 0963 600316. e-mail: donflorio08@gmail.com