Aggiornamento Orario Sante Messe e Atto di Affidamento alla Madonna di PortoSalvo

 
     
kikilo

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

loikju
   
 

┬سLa Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa┬╗┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب

┬سAll'apostolo Paolo dedicheremo uno speciale anno giubilare dal 28 giugno 2008 al 29 giugno 2009. in san1occasione del bimillenario della sua nascita.
L'Apostolo delle genti, particolarmente impegna┬صto a portare la Buona Novella a tutti i popoli, si ├ذ totalmente prodigato per l'unit├ب e la concordia di tutti i cristiani. Voglia egli guidarci e proteggerci in que┬صsta celebrazione bimillenaria, aiutandoci a progredi┬صre nella ricerca umile e sincera della piena unit├ب di tutte le membra del Corpo mistico di Cristo┬╗.
( BENEDETTO┬ب XVI )

La Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa”┬ب e ┬بil tema sul quale riflet┬صter├ب la prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi che avr├ب luogo dal 5 al 26 ottobre 2008.
Tale tema si collega strettamente con quello dell'ultima Assemblea (2005): ┬سL'Eucaristia fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa┬╗. Sono queste, infatti, le due parti essenziali della Messa: la liturgia della Parola e la liturgia eucaristica, ┬سcos├ش strettamente congiunte tra loro da formare un unico atto di culto┬╗.

 
 

LA BIBBIA
La Bibbia (in greco bibl├شa, in latino b├شblia) ├ذ un insieme di composizioni letterarie scritte in diver┬صse lingue: ebraico, aramaico, greco. Sono 73 libri: 46 per l'Antico Testamento e 27 per il Nuovo Testamento.
La Bibbia ├ذ il libro della nostra fede, contiene la Parola che Dio ha fatto risuonare nel tempo attraverso i profeti, attraverso Ges├╣ e gli apostoli.
fdcvLa prima parte della Bibbia, che noi chiamiamo Antico Testamento, ├ذ la pi├╣ estesa. Il termine ┬سtesta┬صmento┬╗ non indica, come nel senso comune, la volont├ب ultima di una persona; deriva dall'ebraico ber├شt che significa promessa di un dono da parte di Dio e impegno di osservare la sua legge da parte dell'uomo. Dio e l'uomo si impegnano reciproca┬صmente, fanno alleanza. Infatti noi parliamo di anti┬صca e nuova alleanza, di Antico e Nuovo Testamento come di due termini che si equivalgono. L'antica alleanza si riferisce al legame religioso che Dio sta┬صbil├ش con il popolo di Israele; la nuova alleanza ├ذ lo stesso legame esteso a tutti i popoli, nella persona di Ges├╣ e di cui la Chiesa ├ذ il segno.
I cristiani vedono una profonda unit├ب tra le due alleanze: la prima ├ذ annuncio, promessa e prepara┬صzione della seconda. Per questo conservano e vene┬صrano nella Bibbia sia i testi sacri del popolo ebrai┬صco sia i propri, come l'unico libro che contiene l'unica Parola di Dio e l'unica salvezza in essa annunziata e attuata.

 

 ┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب vecc┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب La Bibbia ebraica


┬ب┬ب┬ب┬بPer un ebreo non esiste la parola ┬سBibbia┬╗, n├ر l'Antico Testamento, ma semplicemente la Tan├بk.
Questa parola ├ذ una sigla, compo┬صsta dalla prima lettera di tre paro┬صle: Tor├بh = Legge , Nevi├شm= Profeti, Ketuv├شm= ┬بScritti, con l'aggiunta di una doppia ┬سa┬╗.

┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬بI LIBRI DELL'ANTICO TESTAMENTO
Composto da 46 libri, l'Antico Testamento pu├▓ essere riassunto in unit├ب letterarie. La prima di queste unit├ب ├ذ il Pentateuco, corrispondente alla Tor├بh della tradizione ebraica.

Genesi cand
In greco gh├ذnesis, in ebraico bereshit (= ┬س in principio┬╗). ├ê il principio della Rivelazione nelle divine Scritture, il principio della storia della salvezza e del dia┬صlogo tra Dio e l'uomo che avr├ب il suo vertice in un altro principio parallelo a questo: “In principio era il Verbo...” (Gv 1,1).
Il libro parla dell'origine dell'universo e dell'umanit├ب, l'origine della stirpe ebraica, dell'alleanza tra Dio e Abramo, capostipite del popolo, di Isacco e Giacobbe, dai quali nasceranno gli antenati delle dodici trib├╣ che forme┬صranno il futuro Israele.
L'ultima parte del libro (Gen 37-50) ├ذ dedicata alla storia di Giuseppe, penultimo figlio di Giacobbe, vendu┬صto schiavo e divenuto governatore dell'Egitto e salvatore dei suoi fratelli, che si rifugiano presso di lui nel tempo della carestia.

Esodo
In greco ├ذxodos, racconta l'uscita degli ebrei dalla schiavit├╣ d'Egitto alla libert├ب. A liberarli ├ذ Mos├ذ, soste┬صnuto dalla forza di Dio che gli si rivela con il nome di JHWH (Es 1-15). Mos├ذ conduce gli schiavi liberati al santo monte Sinai dove JHWH si rivela e dona la sua legge, il Decalogo. Con il popolo conclude un'alleanza attraverso l'aspersione del sangue, un'alleanza che verr├ب rinnovata dopo il peccato dell'idolatria.

Levitico
├ê il libro dei leviti, dei sacerdoti, i cui contenuti riguar┬صdano spesso la legislazione liturgica e sacrale del popolo ebraico. Nel libro si trovano le prescrizioni per una retta celebrazione del culto, esercitato dai sacerdoti appartenenti alla trib├╣ di Levi.

Numeri
├ê cos├ش chiamato perch├ر si apre con l'elenco delle fami┬صglie appartenenti alle dodici trib├╣ (Nm 1-4).
Anche questo libro si interessa al culto e alle sue leggi.

Deuteronomio
Il nome di questo libro significa ┬سseconda legge┬╗. Presenta Mos├ذ che rivolge a Israele alcuni discorsi alla vigilia dell'entrata nella terra promessa da Dio. La condizione per possedere e godere la terra promessa ├ذ l’osservanza della legge di Dio, gi├ب conosciuta nei precedenti libri del Pentateuco, rileta e ripresentata al popolo.
Al termine del libro viene raccontata la morte di Mos├ذ.┬ص


I LIBRI STORICI
La seconda unit├ب letteraria della Bibbia ├ذ costituita dai ┬سlibri storici┬╗.
Essi contengono la storia che va dalla con┬صquista della terra pro┬صmessa fino alle soglie del Nuovo Testamento.
I libri di Giosu├ذ, Giudici, 1 e 2 Samuele, 1 e 2 Re sono detti ┬سstoria deuteronomista┬╗ perch├ر ispirati alla teologia del Deuteronomio.
1 e 2 Cronache, Esdra e Neernia sono invece chiama┬صti ┬سopera del cronista┬╗ e legati alla lettura della storia degli ambienti sacerdotali.

Giosu├ذ
Il libro di Giosu├ذ apre la serie dei cosiddetti libri storici dell'Antico Testamento. Giosu├ذ (in ebraico ┬سil Signore salva┬╗) ├ذ il successore di Mos├ذ nel guidare Israele all'interno della terra promessa.
Il libro racconta due tappe: la prima (capp 1-12) descrive la conquista della terra di Canaan da parte di Israele.
La seconda tappa (capp 13-24) comprende la ripartizione del territorio conquistato tra le varie trib├╣ e si conclude con la solenne assemblea di Sichem, dove tutto il popolo rinnova l'alleanza con il Signore, unico Dio.

Giudici
Il libro dei Giudici racconta, attraverso alcuni perso┬صnaggi chiamati ┬سgiudici┬╗, quel periodo storico che va dal XIII alla met├ب del XI secolo a.C.
Il termine ┬سgiudici┬╗ in ebraico rimanda all'idea del ┬سgovernare┬╗ di cui ┬سgiudicare┬╗ ├ذ l'atto pi├╣ alto. Dopo la conquista della terra di Canaan e la ripartizione del terri┬صtorio tra le dodici trib├╣ ora si vive il primo tempo dell'esi┬صstenza di Israele nella terra promessa.

Samuele
I due libri di Samuele, con i successivi libri dei Re, segnano il passaggio dalla condizione di unit├ب delle dodi┬صci trib├╣, fondata esclusivamente sulla fede in JHWH, a un'unit├ب pi├╣ istituzionalizzata mediante la monarchia. La divisione in due libri permette di far emergere i tre attori principali: nel primo libro Samuele, ultimo giudice e primo profeta e Saul, primo re che non riesce per├▓ a imporre la propria autorit├ب, schiacciato dalla potenza militare dei Filistei. Nel secondo libro la grandiosa figu┬صra del re Davide, di cui si parla gi├ب nel primo libro, che sar├ب punto di riferimento della speranza messianica.

Re
I due libri dei Re descrivono la vicenda del popolo ebraico dal X al VI secolo a.C., la successione a Davide da parte di Salomone, la distruzione di Gerusalemme e del tempio da parte dei Babilonesi e il conseguente esilio d'Israele a Babilonia.
Con Roboamo, successore di Salomone, avviene lo scisma che d├ب origine ai due regni: il regno d'Israele (set┬صtentrionale), avente per capitale Samaria e il regno di Giuda (meridionale), avente per capitale Gerusalemme.
I due libri contengono, al loro interno, vivaci e appas┬صsionate biografie di profeti esemplari, quali Elia ed Eliseo, attraverso i quali Dio parla al suo popolo Israele.

Cronache
Redatto dall'opera del cronista, il 1┬░ libro delle Cronache ├ذ dominato dalla figura del re Davide, preceduto da una lunga serie di genealogie che risalgono fino ad Adamo, in modo tale da inserire Davide nel piano generale della salvezza divina. In questo libro Davide ├ذ impegnato nella progettazione del tempio di Gerusalemme, ma sar├ب suo figlio Salomone a costruire una casa per il Signore.

Esdra
Questo libro porta il nome di uno dei protagonisti della rinascita d'Israele, il sacerdote Esdra che appare a partire dal capitolo 7 e sar├ب attivo anche nel successivo libro di Neemia. Egli, giunto dalla Persia a Gerusalemme per rinver┬صdire la fede d'Israele, compie un'opera di forte ricostruzione della comunit├ب ebraica. Con molta fermezza impedisce ogni cedimento nei confronti della purezza religiosa. Nasce il cosiddetto ┬سgiudaismo┬╗.

Neemia
Profondamente legato al precedente libro di Esdra, que┬صsto libro ha come protagonista l'ebreo Neemia. La sua opera fondamentale consiste nel restauro delle mura della citt├ب santa. Questa ricostruzione ├ذ quasi il segno di una rinascita nazionale e religiosa che Neemia sigla con un impegno uffi┬صciale di tutta la comunit├ب ebraica.

Tobia - Giuditta - Ester
I tre libretti di Tobia, Giuditta ed Ester sono racconti, non propriamente storici, che illustrano la vita di Israele nel tempo dell'esilio e della diaspora. In essi si insegna la fidu┬صcia nella presenza di JHWH che ha cura del suo popolo.

Maccabei
I due libri dei Maccabei contengono l'eco della lotta di quanti, tra gli ebrei, vogliono difendere la propria identit├ب di popolo di JHWH, al tempo in cui vi ├ذ il tentativo di forzata ellenizzazione da parte dei Seleucidi. La libert├ب dura fino al 63 a.C. quando la Palestina diviene dominio romano.

Rut
Il libro di Rut si presenta come una commovente vicen┬صda familiare che ha per protagoniste due donne: Noemi, la betlemmita e sua nuora Rut, una straniera di Moab. La fidu┬صcia di Rut in Dio e il sostegno che offre alla suocera le meri┬صtano di diventare la bisnonna del re Davide.

 

I LIBRI POETICI E SAPIENZIALI

La terza unit├ب letteraria della Bibbia ├ذ costituita dai ┬سlibri sapienziali┬╗: Giobbe, Salmi, Proverbi, Qo├ذlet, Cantico dei Cantici, Sapienza e Siracide. Per ┬سsapienza┬╗ si intende il buon senso, attento alle situazioni concrete della vita, ma anche la ricerca del senso profondo della realt├ب e della ragio┬صne ultima della vita.

Giobbe
La dottrina della retribuzione viene messa in crisi dal libro di Giobbe, il giusto premiato e duramente provato. Mentre gli amici lo considerano un peccatore giustamente punito, per Giobbe la sofferenza del giusto ├ذ un'ingiustizia. Egli si appella a Dio chiedendo conto del suo comportamen┬صto, non comprensibile dal punto di vista razionale. Dio inter┬صviene senza dare spiegazioni, ma invitando Giobbe all'umil┬صt├ب di fronte a un problema che supera la capacit├ب di com┬صprensione dell'uomo.

 

Salmi
Sono una raccolta di preghiere che Israele ha elevato al suo Dio lungo tutta la storia. Tale raccolta ├ذ attribuita a Davide, iniziatore del genere innico. Vi si esprime tutta la gamma di sentimenti del popolo verso il suo Dio.
Luogo di nascita dei salmi ├ذ il culto, praticato prima nei santuari e poi nel tempio di Gerusalemme.

 

Proverbi
├ê il pi├╣ antico libro della letteratura sapienziale. Contiene massime destinate alla formazione culturale e pratica degli scri┬صbi del re; inoltre esprime la dottrina tradizionale sulla retribu┬صzione: il bene fatto viene premiato, il male fatto viene punito.

Qo├ذlet
Sulla scia del libro di Giobbe, Qo├ذlet evidenzia le molte┬صplici contraddizioni dell'esistenza. Da una parte invita a gioi┬صre degli aspetti positivi della vita come dono di Dio, e dall'al┬صtra ricorda a tutti che ogni azione sar├ب da Dio giudicata.

Cantico dei Cantici
├ê una raccolta di testi poetici dedicati all'amore umano. Protagonisti del poema sono due innamorati che si cercano, si smarriscono e poi si ritrovano per cantare le gioie del┬صl'amore monogamico. In senso allegorico, nella tradizione giudaica e cristiana, il Cantico dei Cantici sta a significare le vicende del rapporto religioso tra Dio e Israele o anche tra Cristo e la Chiesa.

Sapienza
Scritto in greco, contiene una proposta di fede fatta all'ebreo della diaspora e al pagano ben disposto. La dottrina fondamentale riguarda la retribuzione del giusto dopo la morte.

Siracide
Il libro del Siracide prende nome dal suo autore, un ebreo di Gerusalemme chiamato Ges├╣ figlio di Sirach, maestro di sapienza.
Egli si rivolge a un vasto pubblico e la sua preoc┬صcupazione maggiore riguarda le virt├╣ fondamentali della vita.

I LIBRI PROFETICI

L’ultima grande unit├ب della Bibbia ├ذ costituita dai ┬سlibri profetici┬╗.
Nella nostra Bibbia i libri profetici sono ordinati in base alla loro importanza di estensione: i primi quattro grandi profeti Isaia, Geremia (cui fa seguito il libro delle Lamentazioni, attri┬صbuito dalla tadizione a questo profeta e poi il libro che porta il nome del suo discepolo Baruc), Ezechiele e Daniele (il cui gene┬صre ├ذ pi├╣ apocalittico che profetico). Inoltre abbiamo i cosiddetti profeti minori: Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia.
Il profeta ├ذ l'uomo di Dio, parla a nome di Dio ed ├ذ anima┬صto dal suo Spirito. ├ê l'uomo della parola proferita e impegnata.
Bonh├╢ffer definiva cos├ش i profeti: ┬سUomini che hanno lottato con Dio e col loro tempo, un tempo in cui orgoglio nazionale e popolare si univa all'ateismo e all'immoralit├ب, uomini che sapen┬صdosi chiamati dal loro Dio andavano in mezzo al loro popolo, uomini ai quali questo legame con Dio divenne fatale... Soffrivano all'aperto, per le strade, in prossimit├ب delle splendide celebrazioni... soffrivano nel pregare per il popolo amato; infatti odiavano il loro popolo perch├ر lo amavano┬╗.

Isaia
Il nome significa ┬سIl Signore salva┬╗. Nell'opera di questo profeta confluiscono gli scritti di altri due profeti di molto poste┬صriori a lui, definiti Deuteroisaia (capp 40-55) e Tritoisaia (capp 56-66).
├ê un profeta molto caro alla tradizione cristiana che lo ha considerato come un cardine nella speranza messianica, soprattutto per il suo ┬سlibro dell'Emmanuele┬╗ (capp 7-12)e per i quattro canti del servo di JHWH (capp 42;49;50;53,) letti dal cristianesimo in chiave messianica.

Geremia
Nato attorno alla met├ب del VII secolo a.C. nel villaggio di Anatot, presso Gerusalemme, Geremia ├ذ stato chiamato, contro la sua volont├ب e la sua natura di uomo sensibile, a una missione profetica durissima, quella di essere l'annunziatore e il testimo┬صne della rovina di Gerusalemme e del regno di Giuda.
La vicenda personale del profeta ├ذ testimoniata da una sorta di diario intimo che gli studiosi chiamano ┬سle Confessioni┬╗ di Geremia (capp 10-20).

 

Ezechiele
Profeta il cui nome significa ┬سDio ├ذ forte┬╗, fu chiamato da Dio a una missione di giudizio e di annuncio del crollo irrevoca┬صbile del regno di Giuda. Egli lo fa attraverso la predicazione, ma soprattutto attraverso le azioni simboliche che compie. La caduta di Gerusalemme nel 586 a.C. segner├ب una svolta radicale nella missione del profeta.

Daniele
Il libro di Daniele appartiene alla cosiddetta ┬سletteratura apocalittica┬╗ fiorita a partire dal III secolo a.C. nel giudaismo e che avr├ب grande successo. Protagonista del libro ├ذ un ebreo esemplare, Daniele, che sfida il potere imperiale, condannato poi da Dio stesso.

 

 ┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب ┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب┬ب IL NUOVO TESTAMENTO

Comprende 27 libri: i quattro Vangeli, gli Atti degli apostoli, le let┬صtere paoline, le lettere cattoliche, il libro┬بdell'Apocalisse. ┬ب
┬سVangelo┬╗ vuol dire lieto annuncio, buona novella, riferito a Ges├╣ annunciatore e portatore del regno di Dio.

Matteo
Insieme a Marco e Luca ├ذ consi┬صderato uno dei Vangeli sinottici.
Sinossi = sguardo d'insieme. La sinossi permette di cogliere le fonti comuni e le convergenze presenti nei tre testi. Malgrado le comuni caratteristiche ogni evangelista ha una sua prospet┬صtiva e delinea una sua figura di Cristo, cercando di rispondere alle esigenze della comunit├ب alla quale indirizza il racconto.
Matteo ├ذ considerato il Vangelo pi├╣ popolare, pi├╣ letto e commentato. Egli scrive ai giudei convertiti al cristianesimo. Gli insegnamenti di Ges├╣ sono raccolti in cinque grandi discorsi:
1. Discorso della montagna (capp 5-7): il contenuto centrale ├ذ che Cristo non ├ذ venuto ad abolire la legge di Mos├ذ ma a portarla a compimento.
2. Discorso missionario (cap 10): il regno ├ذ annunciato, accolto e rifiutato.
3. Discorso in parabole (cap 13): il regno ├ذ descritto nella sua crescita lenta ma ┬بinarrestabile nella storia.
4. Discorso ecclesiale (cap 18): la Chiesa ├ذ segno del regno presente nella storia.
5. Discorso escatologico: (capp 24-25) il regno che raggiunge la sua pienezza.

Marco
├ê considerato dagli studiosi il Vangelo pi├╣ antico in ordi┬صne cronologico. ├ê anche il pi├╣ breve tra i tre sinottici (solo 16 capitoli), un'opera essenziale destinata all'annuncio di ┬سGes├╣ Cristo, Figlio di Dio┬╗ (1,1).
Indirizzato ai cristiani di origine pagana, il Vangelo di Marco vuole rispondere alla domanda: ┬سchi ├ذ Ges├╣?┬╗.
Il cosiddetto segreto messianico in realt├ب ├ذ la progressiva rive┬صlazione del mistero della persona di Ges├╣, che giunge alla sua pienezza sulla croce, luogo in cui egli viene riconosciu┬صto come Messia e Salvatore.

Luca
├ê il Vangelo pi├╣ lungo (24 capitoli). Scritto da Luca, insie┬صme agli Atti degli apostoli, forma un'unica opera.
I destinatari di quest'opera sono i cristiani provenienti dal mondo pagano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

 

 

 

 

 

 

 

 

FR

   

 

Parrocchia di SantAndrea Apostolo 89861, Parghelia (VV). Tel. e fax (+39) 0963 600316. e-mail: donflorio08@gmail.com