Aggiornamento Orario Sante Messe e Atto di Affidamento alla Madonna di PortoSalvo

 
     
kikilo

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

loikju
   
 

COS'ê LA PARROCCHIA

 
 

1. La parrocchia è la Chiesa che si rende presente in un luogo determinato, in mezzo alle case e alla vita della gente. E' chiaro che non si tratta tanto di un luogo "geografico", ma è piuttosto di un punto di riferimento per chi vuol vivere la fede cristiana nell'unica forma prevista dal Vangelo, cioè come comunità in cammino, come popolo di Dio.

2. Intesa così, la parrocchia è il luogo concreto dove la Chiesa, popolo di Dio, trova la sua dimensione comunitaria che è necessaria per l'annuncio del Vangelo (Dio salva le persone dentro un popolo).
La comunità parrocchiale vive e professa la fede nella realtà quotidiana, cioè nella famiglia, nel lavoro, nella scuola, perchè vivere e professare la fede non vuol dire soltanto partecipare alla Messa festiva, dire le preghiere o chiedere il Battesimo per i figli (magari senza poi preoccuparsi di educarli alla fede), ma anche confrontare i problemi della vita di ogni giorno con il Vangelo.
Solo a queste condizioni nasce il cristiano adulto: adulto nella fede perchè ha imparato a gestire le sue attività quotidiane (la professione, il lavoro, la famiglia, le relazioni sociali) e le sue scelte di fondo (il matrimonio, la generazione e l'educazione dei figli, il vivere e il morire) alla luce del Vangelo, ispirandosi al Vangelo.

3. Il cristiano adulto è colui che scopre che non si può essere cristiani per se stessi o, peggio, privatizzare la fede cristiana ( Gesù ci ha insegnato a dire "Padre Nostro", non "Padre mio") e che non è una cosa facoltativa, un optional, ma un dovere farsi carico anche della fede degli altri, perchè la fede cristiana ricevuta nel Battesimo chiede di essere trasmessa e condivisa con tutti.

In altre parole: con il Battesimo è stata messa dentro di noi, al posto del peccato, la vita stessa di Dio che non è privatizzabile, ma da vivere in famiglia, nella grande famiglia che è la Chiesa. Ecco la corresponsabilità o, meglio, la parrocchia espressione della grande famiglia della Chiesa, come luogo di impegno battesimale e di corresponsabilità.
E la parrocchia farà un salto di qualità se questa corresponsabilità diventerà� sempre più (perchè in parte già esiste) il nostro modo di pensare e di vivere gli impegni quotidiani.
E la parrocchia non sarà più solo un distributore di servizi (cioè un luogo dove ci si rivolge quando si ha bisogno, per il battesimo, la prima comunione, il matrimonio, il funerale dei propri cari, la raccomandazione per un posto di lavoro, un aiuto materiale) ma anche e soprattutto il luogo delle responsabilità: il luogo dove, nei limiti del possibile, ci si fa carico anche della fede e dei bisogni del prossimo.
E' in questo quadro che si colloca il Sinodo diocesano quando parla della parrocchia alla costituzione 132:
1. La Chiesa è realtà di comunione: cioè caratterizza essenzialmente la vita e la missione del popolo di Dio nel suo insieme, ma anche la condizione e l'azione di ciascun fedele.
2.. La Chiesa è popolo di Dio in cui tutti i fedeli, in virtù del Battesimo, hanno la stessa uguaglianza nella dignità e nell'agire, partecipando all'edificazione del Corpo di Cristo secondo le condizioni e i compiti di ciascuno. Esiste, quindi, una reale corresponsabilità di tutti i fedeli nella vita e nella missione della Chiesa ".

 
     
   

 

Parrocchia di SantAndrea Apostolo 89861, Parghelia (VV). Tel. e fax (+39) 0963 600316. e-mail: donflorio08@gmail.com